Stagione balneare al via in Sicilia, quali costi e lidi aperti dall'1 maggio

Stagione balneare 2022 al via in Sicilia, costi e lidi aperti dal 1° maggio

web-dr

Stagione balneare 2022 al via in Sicilia, costi e lidi aperti dal 1° maggio

Dario Raffaele e Antonio Licitra  |
mercoledì 27 Aprile 2022 - 17:03

Al via dall'1 maggio la stagione balnerare in Sicilia ma solo il 10% degli stabilimenti è pronto. La parola ai Balneari. Prezzi più cari del 5/10% per i giornalieri.

Dal 1° maggio ripartirà per molti la stagione balneare 2022. Da questa data molti stabilimenti balneari usciranno sdraio, ombrelloni e apriranno le cabine ai bagnanti. In realtà, solo in pochi lo faranno. I più apriranno nel mese di giugno.

Il decreto della Regione sulla balneabilità delle acque

Con un decreto del 23 marzo dell’assessorato alla Salute, la Regione siciliana ha stabilito dal 1° maggio al 31 ottobre la balneabilità dei mari siciliani. “In Toscana e in Liguria iniziano un mese prima di noi. Qui, dove c’è il sole tutto l’anno, si parte dopo. Un paradosso legato ai ritardi delle aziende sanitarie provinciali nella campionatura periodica delle acque per stabilirne la salubrità”, denunciava Alessandro Cilano, presidente di Fiba-Confesercenti e titolare di uno stabilimento a Mondello sulle pagine di Repubblica.

Della stagione balneare che va a iniziare abbiamo parlato con Antonello Firullo, presidente dell’Associazione turistica balneare siciliana, che fa subito una precisazione: “Il decreto dell’assessorato alla Salute è soltanto un sistema che certifica i tratti di costa non balneabili. L’attività delle strutture balneari in tutta la costa siciliana è legiferata invece dalla concessione demaniale che detta i tempi per ognuno di noi. Chi ha il titolo annuale può lavorare tutto l’anno e chi stagionale deve rispettare i tempi indicati nel titolo concessorio.

Antonello Firullo

Se vuoi avviare l’attività prima o dopo dei tempi previsti in concessione devi chiedere all’assessorato regionale del territorio e ambiente per essere autorizzato e pagare il conguaglio in più.

Dal 15 giugno al 15 settembre tutti devono garantire il servizio di balneazione altrimenti rischiano una sanzione e la decadenza della concessione stessa. Prima di giugno penso che in tutta la Sicilia saremmo in pochi a garantire il servizio”.

Linee guida per i gestori di spiagge e stabilimenti balneari

Intanto, sulla Gazzetta Ufficiale del 4 aprile sono state pubblicate le linee guida per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali. Un capitolo è stato dedicato proprio a “Spiagge e stabilimenti balneari”.

Tra le raccomandazioni:

  • privilegiare l’accesso agli stabilimenti tramite prenotazione.
  • Favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione.
  • Riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso allo stabilimento in modo ordinato, al fine di evitare code e assembramenti di persone.
  • Se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita.
  • Favorire, per quanto possibile, l’ampliamento delle zone d’ombra per prevenire gli assembramenti, soprattutto durante le ore più calde.
  • Regolare e frequente igienizzazione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, etc., comunque assicurata dopo la chiusura dell’impianto.
  • Le attrezzature come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo familiare, e in ogni caso ad ogni fine giornata.

Dunque, nonostante dall’1 maggio sia previsto un pressoché ritorno alla normalità dopo due anni di pandemia, vigono ancora regole all’insegna della prudenza e dell’accortezza.

Ci si prepara a tornare in spiaggia

Intanto, da Mondello a Vendicari, passando da Giardini Naxos e Catania, ci si prepara a tornare in spiaggia. Sia i siciliani che i turisti in vacanza nella nostra isola. Usciti dagli armadi i vecchi costumi dell’anno passato e le creme solari, si prevede una pacifica invasione. Perché c’è tanta voglia di mare, di sole, di relax e soprattutto di normalità.

Solo il 10% degli stabilimenti pronti

Ma in pochi saranno pronti già dall’1 maggio. “Da informazioni assunte – ci dice Firullo che è anche gestore di un lido a Pozzallo – penso che solo il 10% degli stabilimenti sia pronto, si tratta di attività come la nostra autorizzate tutto l’anno e quindi di fatto già pronte a tirare fuori ombrelloni e lettini (noi siamo già pronti dal 6 aprile) al contrario di altri che hanno tempi un po’ più lunghi dovendo organizzare i lavori di ripristino della struttura balneare”.

Rincari limitati e solo per i bagnanti giornalieri

Riguardo a un paventato aumento dei costi Firullo crede che i rincari non saranno eccessivi. “Sul rincaro ho dei dubbi perché alla fine più del 50% dei fruitori è nostra clientela e quindi si tende sempre a confermare i prezzi dell’anno passato; per gli altri fruitori potrebbe sserci un aumento ma, secondo me, non supererà del 10% quello dello scorso anno”.

Ignazio Ragusa, presidente Sib sulla nuova stagione

In esclusiva per il Quotidiano di Sicilia è intervenuto anche Ignazio Ragusa, presidente del SIB (Sindacato Italiano Balneari) che ha presentato quella che sarà la nuova stagione balneare nella provincia di Catania.

ignazio-ragusa-sib
Ignazio Ragusa

In provincia di Catania al via il 10 giugno

“Per la giornata del 1°Maggio nessuno stabilimento della provincia effettuerà il servizio di balneazione. Ci sono alcune strutture che stanno già operando con la ristorazione o con il noleggio di lettini, sdraio ed ombrelloni. La nuova stagione, a Catania, si aprirà il 10 Giugno.

Vi sono, inoltre, due tipologie diverse d’apertura. La prima è la stagione abbonamenti che è ben distinta dalla stagione balneare. Dal 1°Maggio si potrà iniziare la stagione balneare ma non tutte le strutture saranno pronte per svariati problemi. In particolar modo, un ritardo è dovuto all’applicazione di una nuova circolare sui lavori, successivamente sono stati riscontrati problemi per il reperimento delle materie prime da lavorare come legname e ferro. Queste problematiche sono dovute ad una concomitanza di cose. Spesso, il materiale ordinato non arriva in tempo e non arriva quanto richiesto, ma soltanto la metà. Tutto questo fa slittare di qualche giorno l’apertura di tante strutture.”

Più giochi, più animazione, più contatto

“In vista della nuova stagione, riscontro molto entusiasmo. Senza dubbio, fa da traino il fatto di non avere più tutte le restrizioni degli anni scorsi. Già da adesso le persone stanno correndo per accaparrarsi i migliori abbonamenti e le migliori posizioni. Sarà un’estate da vivere con un andamento simile a quelle pre-covid con un ritorno alla normalità. Ci saranno più giochi, più animazione e più contatto. Anche i bambini potranno giocare più facilmente tra di loro.”

Minimi rincari a causa dell’aumento delle materie prime

“Nonostante ci sono dei rincari a due cifre, soprattutto sulle materie prime e sull’energia, la stima che è stata fatta dal SIB è ad una sola cifra. La media dei rincari è del 5% ma non saranno tutti ad applicarlo. Ci sono stati e ci sono ancora oggi dei rincari che ci hanno accompagnato nell’affrontare questa nuova stagione. Nel periodo Covid non abbiamo effettuato alcun aumento per restare vicino a tutti i cittadini. Con enormi sacrifici, alcuni rincari che erano stati previsti ancor prima dell’avvento della pandemia, sono stati sospesi ed attuati soltanto adesso. Il periodo di pandemia ci ha lasciato, però, una maggiore prudenza ed una maggiore attenzione in alcune procedure in termini di sicurezza e pulizia.”

Spiagge raggiungibili anche in treno

E questa estate sarà più facile raggiungere le più belle spiagge dell’Isola anche con i treni regionali di Trenitalia.

Nell’estate 2021, erano state circa 520 mila le persone che nei fine settimana da giugno a settembre avevano scelto i treni regionali per raggiungere Taormina e le altre mete turistiche grazie a servizi attivati da Trenitalia, di concerto con la Regione Siciliana, committente del servizio.

Taormina è stata protagonista dell’estate 2021 grazie ai Taormina Line e Taormina link, servizio tuttora attivo che collega la stazione al centro di Taormina con i bus di ASM Taormina. Proposti inoltre il Cefalù Line, Barocco Line – itinerario fra arte e natura fra Siracusa e Donnafugata passando per Fontane Bianche, Avola, Noto, Pozzallo, Scicli, Modica, Ragusa Ibla e Ragusa – e l’Etna link.

Un viaggio alla scoperta delle spiagge più suggestive a bordo dei treni Pop convogli sempre più ecologici che producono il 30% di emissioni in meno rispetto a un treno tradizionale e sono riciclabili fino al 97%, con postazioni per il trasporto delle bici.

Per favorire l’uso del treno per turismo Trenitalia ha realizzato una collana di travel book, di cui uno dedicato proprio alle spiagge e al turismo balneare che accoglie, fra le spiagge siciliane, oltre Taormina, anche Capo D’Orlando, Tusa e Gioiosa Marea.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684