Covid, chi dovrà fare quarta dose di vaccino? La decisione Cts e Aifa

Covid, quarta dose di vaccino, si allarga la platea: oggi la riunione Cts-Aifa

web-mp

Covid, quarta dose di vaccino, si allarga la platea: oggi la riunione Cts-Aifa

web-mp |
giovedì 24 Marzo 2022 - 09:00

In attesa della decisione di Cts-Aifa, gli esperti ipotizzano un approccio analogo a quello dell'influenza, con il coinvolgimento della fasce di popolazione più anziane

Chi dovrà fare la quarta dose di vaccino? Oltre agli immunodepressi, si discute sull’estensione ai più anziani di un ulteriore richiamo, ma al momento ci sono poche evidenze scientifiche. A tal proposito, la possibilità che si arrivi ad ampliare la platea per la somministrazione della quarta dose di vaccino anti-Covid, sarà al centro di una prima riunione della Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco che si terrà oggi, giovedì 24 marzo.

Era stato il ministro della Salute Roberto Speranza a indicare “nell’evidenza scientifica” la bussola per nuovi eventuali provvedimenti di ampliamento della quarta dose, che oggi è somministrata in Italia alle persone immunocompromesse e trapiantati, un platea di circa 800-900mila persone.

Premier Draghi

Lo scorso giovedì, durante la conferenza stampa con il premier Draghi sulla roadmap per la fine dello stato di emergenza, il ministro ha annunciato “l’ipotesi di estendere la quarta dose per le fasce generazionali più avanzate”. Una possibilità che “richiederà ancora un approfondimento. Ma è una cosa a cui ci stiamo preparando”. Giovedì quindi la palla passa alla Cts dell’Aifa per un primo approfondimento su questo tema, somministrare la quarta dose di vaccino anti-Covid ai più anziani.

L’Agenzia Europea del Farmaco

L’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha ribadito che non ci sono ancora prove che serva una quarta dose di vaccino per tutti. Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici Covid-19 dell’Ema, durante la conferenza stampa di giovedì 17 marzo, ha rimarcato che “da un punto di vista regolatorio non ci sono ancora evidenze sufficienti, né dai trial clinici né dai dati del mondo reale, a sostegno di una raccomandazione sulla necessità di un secondo richiamo nella popolazione generale. Mentre l’uso mirato in popolazioni anziane selezionate – ha aggiunto – è stato preso in considerazione da alcuni Stati membri sulla base di alcuni risultati preliminari di efficacia nel mondo reale” provenienti “da Israele”.

Ministro Speranza

“La quarta dose sappiamo che può essere fatta da tutti gli immunocompromessi. Ed è importante farla. Poi valuteremo nei prossimi giorni con la comunità scientifica, se estendere anche a fasce generazionali più avanzate”. Lo ha affermato il ministro della Salute Roberto Speranza, a margine della presentazione a Roma degli investimenti del Pnrr nel Lazio.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684