Spesa carburanti, il 61% va allo Stato - QdS

Spesa carburanti, il 61% va allo Stato

Marco Carlino

Spesa carburanti, il 61% va allo Stato

mercoledì 03 Luglio 2019 - 00:00
Spesa carburanti, il 61% va allo Stato

Centro studi Promotor: nel primi cinque mesi del 2019 le famiglie italiane hanno speso 23,6 mld. Rispetto al 2018 si registra un incremento dell’1,4%. Il gasolio fa registrare i maggiori aumenti

ROMA – Per acquistare benzina e gasolio nei primi cinque mesi del 2019, le famiglie italiane hanno speso 23,6 miliardi. Questo è quanto emerge dagli studi fatti dal Centro studi Promotor.

Rispetto allo stesso periodo del 2018 si è registrata una crescita dell’1,4%, dovuta all’effetto combinato di una lieve contrazione dei consumi (-0,3%), di un lieve calo del prezzo medio ponderato della benzina (-0,8%) e di un aumento del prezzo medio ponderato del gasolio (+2,6%).

Anche se la dinamica della spesa nel 2019 è limitata, si legge, in valore assoluto il costo sostenuto dagli italiani per l’acquisto di benzina e gasolio resta elevatissimo, tanto che quella per l’acquisto di carburanti resta anche nel 2019, come negli anni precedenti, la principale voce di spesa degli italiani per l’automobile ed è superiore anche alla spesa per l’acquisto di autovetture.

Secondo il Centro la principale ragione del caro-carburanti in Italia la si trova nel forte prelievo fiscale che nei primi cinque mesi del 2019 ha portato nelle casse dello Stato ben 14,4 miliardi, vale a dire il 61% della spesa complessiva alla pompa per l’acquisto di benzina e gasolio auto.

“L’incidenza del Fisco sulla spesa per benzina e gasolio auto – ha dichiarato Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor – è tra le più alte del mondo e penalizza fortemente non solo gli automobilisti ma anche le imprese e l’economia italiana perché grava pesantemente sul costo dei trasporti su gomma”.

Ma non solo, ad incidere tanto in Italia sul costo finale della benzina sono in realtà le accise e l’Iva. Con una diminuzione di tasse ed accise il prezzo a litro sarebbe più basso, sul livello degli altri Paesi Ue e anche se gli altri Stati sottopongono il carburante a tassazione, l’Italia rimane in cima alla classifica per il peso fiscale a litro.

Nelle ultime settimane, sulla base delle elaborazioni di Quotidiano energia sull’Osservaprezzi carburanti del Mise, i prezzi dei carburanti auto sono risultati abbastanza stabili presso le stazioni di servizio italiane.

Capitolo diesel: nei giorni scorsi l’Unione petrolifera è scesa in campo in difesa del gasolio, sempre più al centro del dibattito pubblico: “Contro i motori diesel è partita una guerra ideologica utile a creare allarmismi e acquisire vantaggi competitivi”, a danno dell’intero settore.

“I motori diesel più recenti – ha continuato il presidente Up Claudio Spinaci – hanno dimostrato di aver eliminato quasi del tutto le emissioni inquinanti e restano molto efficienti per il contenimento delle emissioni di CO2, all’interno del ciclo vitale. Alla luce delle ultime innovazioni dunque la guerra al gasolio è totalmente insensata”.

Uno sguardo anche al futuro, durante il quale la domanda di energia elettrica crescerà a dismisura e il rischio di inquinare ulteriormente diventa sempre più reale: “La sfida contro i cambiamenti climatici si vince con un approccio globale, bisogna coinvolgere tutte le economie mondiali”.

Se l’Europa consumerà teoricamente meno, potrebbe non essere così per Cina, Medio Oriente, Africa e India, bisognerebbe dunque coinvolgere tutti nel cambiamento. “I Paesi extra-Ue devono avere lo stesso rigore e lo stesso impegno del vecchio continente.”

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684