Termovalorizzatore e teleriscaldamento, così Bolzano ha fregato Putin - QdS

Termovalorizzatore e teleriscaldamento, così Bolzano ha fregato Putin

redazione

Termovalorizzatore e teleriscaldamento, così Bolzano ha fregato Putin

Gabriele D'Amico  |
sabato 16 Aprile 2022 - 06:00

Nella città altoatesina l’energia prodotta dalla valorizzazione dei rifiuti permette di riscaldare circa 6.000 appartamenti, abbattendo il prezzo delle bollette fino al 50%

BOLZANO – Un impianto, tre vantaggi. Stiamo parlando dei termovalorizzatori che da soli potrebbero portare non solo risparmi sulla bolletta della luce, del gas e dei rifiuti, ma anche l’indipendenza, almeno in parte, dal gas russo. È quello che già accade a Bolzano, dove “le utenze servite dal teleriscaldamento ad oggi sono circa 6.000 appartamenti, ma la rete è ancora in espansione” e dove l’energia prodotta dall’impianto potrebbe potenzialmente rendere autonome circa il 40% delle abitazioni. A parlare è il direttore generale della Eco center (la società per azioni che gestisce il termovalorizzatore locale), Marco Palmitano.

I rifiuti smaltiti e il risparmio sulla Tari

Il vantaggio principale della messa in attività di un termovalorizzatore è sicuramente il migliore smaltimento dei rifiuti urbani. Diminuirebbero infatti i conferimenti in discarica (come, tra l’altro, obbliga a fare la direttiva europea in materia) evitando l’ormai sicuro export dei rifiuti siciliani e tutti i danni ambientali che… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684